Spese detraibili nel 730 e 740: le spese per attività sportive

CAF di Giulia Grimoldi, 28 aprile 2017



Le spese sostenute per la pratica sportiva dilettantistica dei ragazzi di età compresa tra i cinque e i diciotto anni sono detraibili nella misura del 19% dell’importo totale della spesa sostenuta.

Nel modello 730/2017 e 740/2017 redditi 2016 è possibile detrarre le spese per attività sportive nido pagate nell’anno 2016.

Sono detraibili le spese sostenute per l’iscrizione annuale e l’abbonamento ad associazioni sportive, palestre piscine ed altre strutture ed impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica.

Per associazioni sportive si intendono le società ed associazioni che riportano nella propria denominazione la dicitura della finalità sportiva e della natura dilettantistica.

Per palestre, piscine ed impianti sportivi si intendono gli impianti:

  • destinati all’esercizio della pratica sportiva non professionale, agonistica e non;
  • gestiti da soggetti giuridici diversi dalle associazioni/società sportive dilettantistiche, sia pubblici che privati.

Il limite massimo di spesa detraibile è pari ad € 210,00 per ogni ragazzo.

Non sono detraibili le spese sostenute per l’attività sportiva svolta presso:

  • le associazioni che non rientrano nella definizione di “sportiva dilettantistica” e/o che non sono state riconosciute dal Coni e dalle rispettive Federazioni sportive nazionali;
  • le società di capitali classificate come sportive professionistiche;
  • le associazioni non sportive che organizzano corsi di attività motoria non in palestra (es. associazioni culturali).

 

Per poter beneficiare della detrazione è necessario conservare la fattura quietanzata, oppure il bollettino bancario o postale oppure la ricevuta di pagamento della spesa per attività sportive pagata.

La documentazione deve obbligatoriamente riportare, pena il disconoscimento della detrazione:

  • la ditta, la denominazione o la ragione sociale, la sede ed il codice fiscale dell’ente che eroga la prestazione sportiva;
  • la causale del pagamento (iscrizione, abbonamento);
  • l’attività sportiva esercitata;
  • l’importo pagato;
  • i dati anagrafici del ragazzo che pratica l’attività sportiva ed il codice fiscale del soggetto che effettua il versamento.

 

Per maggiori informazioni puoi consultare la circolare dell’Agenzia delle Entrate a pagina 101.

La serietà, la competenza e la precisione con la quale lo Studio svolge la propria attività sono indiscusse. Il valore aggiunto l’ho trovato nel gruppo di lavoro che con la disponibilità e la cortesia che da sempre ho incontrato mi hanno permesso di sviluppare  non solo un rapporto di fiducia, indispensabile, ma anche di affidamento vero, quello che si riserva agli amici sinceri.

- Francesca Pozzuoli

Seguita in modo ineccepibile da professionisti preparati, disponibili e attenti. La dottoressa ed i suoi collaboratori mi hanno sempre indirizzata, consigliata e guidata nel migliore dei modi. Parcelle oneste.

- Irma Zhuka

Posso affermare finalmente di aver trovato professionisti seri, precisi e puntuali e, particolare non ovvio, cortesi e disponibili. Ottimo rapporto qualità/prezzo.

- Simonetta Mariani

Con loro dal 2005, che dire… sempre precisi ed efficienti, personale gentile e disponibile per fornire info e risposte in merito ad ogni problematica. Risposte sempre veloci e chiare e tramite e-mail invio di documentazione in tempi brevissimi. Ottimo servizio di consulenza con la Dott.sa Busnelli ed il suo Team.

- Grazia Capizzi e Giorgio Tonghini – Oberon Viaggi snc